Sell off sui mercati crypto e non solo

Sell off sui mercati; vendi tutto e scappa, sembra questa l’assioma che sta caratterizzando gli ultimi eventi; quando la razionalità prenderà il sopravvento sul panico ci si renderà conto che si sta vendendo a 25 un qualcosa che nel passato ha  avuto un valore di 70.
Ovviamente c’è sempre qualcuno disposto a comprare, il quale sarà il primo a giovarsi di questi acquisti a sconto.

Soffrono le criptovalute la situazione della finanza tradizionale con le Borse asiatiche che chiudono negative del 3% e questo non promette bene circa la giornata che vivremo.

Scendono anche oro e Wall Street

Si vende anche l’oro che cede lo 0,5%, il petrolio Wti americano -1,7% scivolando sotto i 120 dollari il barile (118,6). Il dollaro è ai massimi degli ultimi 20 anni, con il T bond decennale il cui rendimento è al 3,172%.
I futures su Wall Street sono in profondo rosso (Nasdaq -2,05%).

 La paura è quella di una Fed troppo aggressiva mercoledì quando dovrà comunicare le sue decisioni circa l’inflazione. Con l’8,6% registrato venerdì rispetto al 8,3% preventivato, cosa ci dobbiamo attendere se non un rialzo davvero notevole dei tassi? Sarà quindi la settimana dell’inasprimento dei tassi con Bank of England e Banca Centrale Svizzera che propenderanno per il rialzo.

Bitcion e crypto -10% e oltre nel weekend

Profondo rosso per il settore crypto con analisti tecnici che prevedevano una salita per poi scendere fino a 20.000; sconfessati, può succedere di tutto ed anche la salita quando arriverà sarà forte.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.