Prese di beneficio nel mercato crypto

Le prese di beneficio nella giornata di ieri sul mercato crypto hanno abbassato la capitalizzazione del settore che a inizio settimana era prossima ai 2 mila miliardi di euro. Giornata di calo per bitcoin che ha accusato una discesa di circa il 3%, toccando zona €47.000 da cui oggi è partita una reazione. 

Sulla regina delle criptovalute l’analisi di JPMorgan che vede nel tempo una contrazione della volatilità che possa poi condurla ad essere assimilata all’oro per i movimenti che ne deriveranno. Analisi lucida ma che necessita di un processo di normalizzazione ancora lungi dal verificarsi, considerando che parliamo di un asset limitato.

Ethereum ieri ha ceduto il 7 %, parzialmente recuperato oggi. Dal massimo storica a €1815 siamo distanti circa un 10%, per cui parliamo di ritracciamento fisiologico che potrebbe non essere terminato e che potrebbe vedere le quotazioni nei prossimi giorni affievolirsi ancora prima di ripartire, in quanto ci sono posizioni long con leva eccessiva che verranno chiuse.

Notevole volatilità su Litecoin che ha avuto un inizio di settimana scoppiettante e un calo importante ieri con una performance da lunedì fortemente positiva con circa il 10% di guadagno che lo ha portato a superare i massimi precedenti a €202 per toccare i €205.

Anche meglio Bitcoin Cash che al momento segna una performance del 12% da inizio settimana e adesso sembra stazionare al di sopra di zona €500.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.