Pessimo lunedi per il settore crypto

La settimana per il settore crypto inizia con una intonazione fortemente negativa, sovvertendo la chiusura della giornata precedente.

Infatti ieri un importante recupero è iniziato nel pomeriggio creando una candela “lizard” (apertura e chiusura nel 25 % superiore o inferiore del range) che nella realtà dell’analisi tecnica presuppone un forte recupero.
Solo una variabile esogena poteva far crollare in maniera così rovinosa i mercati ed infatti è la Cina che potrebbe aver determinato il forte calo delle quotazioni a causa della notizia secondo cui la terza più grande banca della Cina, la Agricultural Bank of China, ha vietato l’uso dei suoi servizi per l’acquisto di Bitcoin e criptovalute.

La Cina negli ultimi periodi si sta rivelando molto diffidente nei confronti dei Bitcoin, tanto che qualche tempo fa  ha iniziato a reprimere le attività di mining provocando “scossoni” nelle quotazioni. Attendiamo il pomeriggio per vedere se le perdite a due cifre che stanno caratterizzando il settore, verranno recuperate con l’avvento a mercato degli americani che, ultimamente, sembrano essere i compratori dalle mani dei cinesi.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.