Giornata negativa per il settore crypto

Giornata negativa per tutto il comparto crypto e il record storico di ieri su Ethereum non faceva assolutamente presagire una debacle cosi decisa che sfugge a motivazioni meramente tecniche.

La debolezza di bitcoin è iniziata da tempo e in particolare dal 14 aprile, giorno del record nei confronti di Euro a €54.215 da cui è iniziata una costante discesa che appariva fisiologica fino a stanotte quando il calo ha cominciato ad essere più deciso.
Meno 4,5% mercoledi; meno 3,90% giovedi ed oggi, mentre scriviamo siamo a circa il meno 7% con i prezzi che hanno bucato zona €40.000.

Ethereum dall’Ath segnato ieri a 2.198 ha iniziato un costante declino che lo ha portato adesso a toccare minimi a €1.700 con un range di movimento del 22% parzialmente recuperato con i prezzi a €1.800

Tra le motivazioni non tecniche alla caduta, si pensa alla possibilità che si sta paventando in Usa di tassare le plusvalenze in maniera importante. Si parla del 40 % per la parte eccedente il milione di dollari di controvalore che, a quelle latitudini colpirebbe davvero molti cittadini. 

Stiamo a vedere cosa succederà. La certezza è che qualcuno vedrà in questo calo la possibilità di acquistare a buoni prezzi

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.