Dove sta la volatilità – Analisi della settimana di trading 7-13 giugno

L’analisi della settimana di trading appena trascorsa (7-13 giugno) per comprendere e intercettare i possibili movimenti futuri di bitcoin e le principali criptovalute.

Ti sei perso l’analisi della settimana precedente? Clicca qui per leggerla.

Bitcoin ha vissuto insieme a tutto il comparto una settimana particolare e forse si lascia alle spalle i minimi in zona €25.000 che hanno spaventato i crypto enthusiast. Adesso staziona in zona €30.000 alternando movimenti in su e in giù con i prezzi che oscillano all’interno di un canale ampio e presumibilmente il mercato continuerà ad oscillare senza una meta chiara ancora per un po’. Ci sono segnali che possiamo ritenere positivi, infatti per ciò che concerne la quantità di Bitcoin che entrano sugli exchange e quelli che ne escono: C’è stata una relativa fuga di BTC dagli exchange negli ultimi 10 giorni la quale ha posto fine alla pressione di vendita, che ha contraddistinto gli ultimi periodi. 

La settimana ha vissuto un brusco calo che poi è stato recuperato, grazie alla notizia secondo cui El Salvador ha approvato la legislazione per riconoscere bitcoin come valuta legale, con un voto di maggioranza di 62 / 84 rappresentanti. 

La legge entra in vigore tra 90 giorni e ci sono già voci che circolano su ulteriori tentativi di legislazione sul bitcoin come valuta legale in altri paesi dell’America centrale e meridionale. Chiusura positiva per la settimana con un circa più 9%.

Il supertrend, indicatore di tendenza, si è girato al ribasso da quasi due mesi e per guardare al rialzo bisogna superare €35.625 dove è partito il declino.

Ethereum dopo il trend che ha determinato mesi su mesi di salite con i €340 di inizio novembre 2020 fino al nuovo “all time high” a €3.612 del 12 maggio ha imboccato una strada in discesa con minimi a €1.441 del 23 maggio. Adesso staziona in zona €2.000. La settimana ha visto Eth ricevere apprezzamenti importanti da parte di esponenti importanti dell’economia mondiale. Dopo il fondatore di Reddit – Alexis Ohanian– che ha dichiarato candidamente di avere in portafoglio un buon numero di Ethereum, è stata la volta del CEO di Nvidia Jensen Huang,  che vede per ETH ottime probabilità di “bull run” per il futuro prossimo grazie al suo progetto che sarebbe, a suo parere, uno dei più interessanti. Il motivo di questa apertura deriverebbe dal passaggio alla validazione PoS che consentirebbe di superare i problemi del costo elevato delle transazioni e della lentezza nell’approvare le transazioni.

La settimana ha visto un calo dell’7% a fronte di un range del 20% e il CCI vede una divergenza ribassista tra prezzi e indicatore che potrebbe anticipare un movimento al ribasso. Da notare la decorrelazione tra Btc ed Eth che è stata caratteristica saliente della settimana con segni spesso discordanti tra le due crypto maggiormente capitalizzate.

Bitcoin cash nella settimana in cui bitcoin ha vissuto una performance positiva, ha avuto un andamento in antitesi, lasciando al mercato il 5% con  un’escursione di circa il 18% con massimi in zona €550 e minimi a €450. C’è un trading range con massimi a €600 e minimi a €450 entro il quale i prezzi stanno oscillando da tempo e che deve essere rotto con decisione per percepire il prossimo trend.

Il Parabolic Sar è da inizio mese che staziona al di sotto dei prezzi a testimonianza che crede in un trend al rialzo. A livello di capitalizzazione riconquistata l’undicesima posizione.

Litecoin ha vissuto una settimana negativa con un meno 2% con massimi a €150 e minimi a €118 determinando un range del 20%. C’è un trading range con massimi a €170 e minimi a €118 e fino a quando non si superano i massimi non si potrà aspirare alla ripresa del trend al rialzo.

L’indicatore RSI settato a 14 periodi, mostra una convergenza dei prezzi per cui non anticipa alcuna direzione. A livello di capitalizzazione ha recuperato due posizioni attestandosi al 12° posto.

Z Cash è il sottostante che ha vissuto la settimana più difficile sotto il profilo della performance e non solo ha avuto un range di volatilità attestato al 21%, ma la discesa del 10% rende l’idea di come i sette giorni siano stati completamente caratterizzati dal segno rosso.

A livello grafico è da evidenziare la contrazione della volatilità che presuppone un movimento violento a breve. L’Indicatore Adx sta a 30 e ciò segnala che il trend al ribasso in corso è forte. Monitorare zona €160 al rialzo e €77 al ribasso.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.