Dove sta la volatilità – Analisi della settimana di trading 24-30 maggio

L’analisi della settimana di trading appena trascorsa (24-30 maggio) per comprendere e intercettare i possibili movimenti futuri di bitcoin e le principali criptovalute.

Ti sei perso l’analisi della settimana precedente? Clicca qui per leggerla.

Bitcoin si riprende nell’ultima settimana di maggio ma non possiamo ritenerlo fuori dal trend ribassista in cui è entrato con i precedenti cali delle ultime due settimane rispettivamente del 20 e del 25%. Ha provato a risalire toccando massimi a €33.475 ma la forza della paura ha prevalso facendolo ritracciare determinando una chiusura positiva del 2% che poteva vedere ben altri guadagni, considerando l’oscillazione settimanale del 21%.  Grandi investitori come Ray Dalio confessano apertamente di possedere bitcoin ma la sua successiva dichiarazione merita attenzione: “Più creiamo risparmi in Bitcoin, più ha senso dire ‘Preferisco avere Bitcoin piuttosto che obbligazioni’. Personalmente, preferirei BTC piuttosto che un’obbligazione.”  Un altro miliardario come l’ottuagenario Carl Ichan ha dichiarato starebbe studiando Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute per capirne rischi e opportunità, allo scopo di investire fino a un miliardo e mezzo. Secondo molti, l’intenzione è stata tramutata in pratica, approfittando dei prezzi bassi della valuta digitale più importante. Comunque sono stati acquistati 77.000 bitcoin dalle “whale” settimana scorsa.

Il Parabolic Sar si è girato al rialzo da sei giorni, con l’Adx che si attesta su valori molto alti che derivano dal forte trend al ribasso precedente.

Ethereum dopo il trend ascendente degli ultimi periodi, ha vissuto una settimana in cui ha cercato di recuperare le cadute delle settimane precedenti che hanno visto il nuovo ATH a €3.612 e poi un ritracciamento di oltre il 50% andando a toccare minimi a €1.441. C’è stata una salita del 13%a fronte di un range del 38%, ma sono le parole di alcuni analisti a fare notizia tanto che prevedono grandi cose per Eth, arrivando ad attribuire tutto il potenziale per superare nel lungo periodo la regina delle crypto. Parliamo dell’ufficio studi sia di Goldman Sachs che di WisdomTree e tra le motivazioni di questo ipotizzato sorpasso sostengono che “Una piattaforma di blockchain come Ethereum potrebbe diventare un grande mercato per chi vende informazioni di fiducia, così come fa oggi Amazon con i beni di consumo”. Altri prevedono che l’attuale crollo davvero importante delle crypto rappresenti il grimaldello per scardinare il passato e riallocare i crypto asset favorendo ETH. Non dimentichiamo poi che questa moneta digitale passando da un protocollo Proof-of-Work o PoW, come quello di Bitcoin, al Proof-of-Stake o PoS, eliminerebbe il disagio ambientale prodotto dal mining

A livello tecnico l’indicatore Supertrend si è girato al ribasso dal 19 maggio e non sembrano presenti delle attenuanti al trend in corso. L’inversione sarà possibile quando si supererà zona €2.800 da cui è stato originato il ribasso.

Litecoin ha vissuto una settimana leggermente positiva con una salita del xxx%, che però possiamo ritenere fisiologica in un contesto proiettato negli ultimi tempi da trend al ribasso. Proseguono gli acquisti da parte di Grayscale che continua a investire in questa criptovaluta e ha recentemente aggiunto circa 174.000 Litecoin alla sua dotazione, a conferma di credere in questo progetto che, ricordiamolo risulta uno dei primi spin off di bitcoin. La novità che contribuirà alla diffusione di questa moneta digitale nelle prossime settimane è rappresentata dal fatto che LTC è stato aggiunto come metodo di pagamento sull’app di pagamento tra amici “Venmo”.

Sotto il profilo tecnico l’indicatore CCI settato a 20 periodi vede da tempo una divergenza rialzista con i prezzi che potrebbe essere anticipatoria di un cambiamento di trend con il rialzo a farla da padrone.  Al rialzo siamo distanti da zona €200 che potrebbe scalfire il trend in corso.

Bitcoin Cash conserva saldamente il 12° posto tra le criptovalute maggiormente capitalizzate e nonostante l’incremento di volatilità, i prezzi rimangono saldamente inseriti all’interno delle Bande di Bollinger che restano molto larghe e con il Bandwidth su valori assai alti. L’escursione degli ultimi sette giorni ha visto un movimento del 90% con minimi a €859 e massimi a €451 e la performance è stata positiva del 20%.

Al rialzo si punta ai €700, massimi di gennaio 2021; al ribasso zona €400 rappresenta un supporto importante.

Z Cash nella settimana in cui bitcoin è cresciuto del 2% ha avuto una performance positiva con circa un 30% e un’oscillazione importante che denota presenza di volatilità con un 61% di range. Z Cash è uno dei progetti con la più forte connotazione politica e libertaria in circolazione,  con un  protocollo basato su questioni che riguardano privacy e offuscamento delle transazioni. Il progetto garantisce invece un certo grado di copertura e libertà che tornano in auge ogni qualvolta spirano venti di controllo, come in questo periodo.

Sotto il profilo tecnico l’indicatore Rsi è coerente con i prezzi e il Macd è prossimo a girarsi in positivo.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.