Dove sta la volatilità – Analisi della settimana di trading 21-27 marzo 2022

Settimana positiva quella appena conclusa con salite interessanti del settore crypto con bitcoin in crescita di circa il 14% ed ETH in guadagno di circa il 16%.

Molte le news che hanno caratterizzato la settimana sotto il carattere fondamentale: in primis la volontà di collateralizzare lo sbalecoin UST, del progetto Terra, da parte dei suoi fondatori con bitcoin da detenere in cassa, con tre miliardi già pronti da convertire nella preziosa moneta digitale.
Gli acquisti sono partiti e sembra che siano di 125 milioni di euro al giorno per cui ci vorrà un mese per vedere concluse le transazioni, se non ci saranno variazioni nella politica di acquisto.

Il fondo di Ray Dalio Bridgewaters che ha in gestione 150 miliardi di euro vuole destinare parte della liquidità all’acquisto di crypto, anche se non farà riferimento all’acquisto fisico ma si indirizzerà sui futures; il fondatore è appassionato di bitcoin e ne possiede alcuni nel patrimonio personale e ritiene che siano i migliori mezzi per difendere dall’inflazione.

Venerdì poi un’ennesima invasione della finanza tradizionale, ma stavolta davvero piacevole perché parliamo del CEO di BlackRock che accenna circa l’accelerazione dell’utilizzo delle valute digitali. 
Fink sostiene che la guerra spingerà alcuni Paesi a rivalutare le loro dipendenze valutarie, anche perché già prima della guerra diversi governi stavano cercando di avere un ruolo più attivo nello sviluppo delle valute digitali e dei relativi quadri normativi. Ovviamente il riferimento è alle CBDC, ovvero le valute digitali emesse direttamente dalle banche centrali, ma anche ad eventuali alternative al dollaro come valuta globale.

In Russia si cercano modi per aggirare le sanzioni che non possono riguardare bitcoin come più volte evidenziato (Anche dall’US Treasury, assimilabile al nostro MEF che ha ribadito l’impossibilità di aggirare le sanzioni con le criptovalute, perché troppo analitico e attento lo studio della blockchain per non accorgersi di situazioni “anomale”) e un importante politico russo, Pavel Zavalny, membro del Partito Russia Unita al governo, ha suggerito di ricorrere a bitcoin come alternativa al dollaro USA nelle esportazioni internazionali di energia e negli accordi commerciali.
Tra le controsanzioni nei confronti dei 48 paesi ostili Zavalny ha anche riaffermato la decisione di Mosca di costringerli a pagare determinate risorse energetiche in oro o in rubli russi.

Ritardi poi per l’emissione dei Bitcoin Bond in El Salvador con il presidente Bukele che in un recente convegno nel suo Paese ha ribadito che il ritardo non è dovuto al conflitto e alla volatilità che ne è derivata sui mercati crypto, quanto dalla volontà di dar luogo prima alla riforma sulle pensioni. Sconfessato quindi il Ministro delle Finanze che aveva procrastinato a settembre la partenza del prestito.

Per ciò che riguarda Ethereum, sembra che il lancio del 15 marzo del “Merge” di Ethereum sul testnet Kiln ha entusiasmato la community per l’imminente passaggio del network a un sistema di consenso Proof-of-Stake (POS) che ha premiato l’operazione con un più 25% con l’obiettivo di detenere quanti più ETH possibili prima della fusione la quale potrà ridurre il consumo energetico di Ethereum del 99,95%.

In merito a quest’ultimo punto, gli analisti sottolineano che la riduzione dei consumi potrebbe attirare più denaro istituzionale nell’ecosistema Ethereum. La fusione avrà anche un notevole impatto sull’offerta circolante di Ether, poiché l’emissione netta subirà un calo significativo una volta completato il passaggio alla PoS:

“Questo, unito al costante burning di Ether, potrebbe rendere l’asset deflazionistico dando luogo ad una prospettiva complessivamente rialzista.

Bitcoin dopo aver superato la media mobile a 100 periodo in zona €37.500 ha il prossimo ostacolo a €42.400 dove è situata la media a 200 periodi che va superata per avere certezza del trend al rialzo. Ethereum ha superato la media mobile a 100 periodi in zona €2.700 e adesso punta alla media mobile a 200 situata a €3.065 che dista dai valori attuali in zona €2.850 circa un 4%

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.