Dove sta la volatilità – Analisi della settimana di trading 16-22 agosto

L’analisi della settimana di trading appena trascorsa (16-22 agosto) per comprendere e intercettare i possibili movimenti futuri di bitcoin e le principali criptovalute.

Ti sei perso l’analisi della settimana precedente? Clicca qui per leggerla.

Bitcoin sale ancora nella terza settimana di agosto, mantenendo il suo trend positivo in un mese storicamente difficile per il mercato digitale.

Superati rispetto a euro i €42.000, non troppo lontani dal record storico posizionato a quota €54.235 che dista circa il 30%, ma che non rappresenta il target più immediato da raggiungere, infatti ci sono delle tappe intermedie davvero importanti come in primis zona €45.000 e poi zona €48.000 da cui è partita la salita decisiva verso il record.

La quinta settimana di salita di seguito è stata caratterizzata da notizie incoraggianti per il settore con l’ulteriore interesse da parte di colossi della finanza tradizionale come Wells Fargo e JPM, i quali  hanno avviato un fondo privato per i propri clienti che vogliono investire in BTC. Nuove proposte poi di ETF alla Sec che dovrà prendere una posizione e chiarire il suo punto di vista dopo aver richiesto ulteriori approfondimenti.

Altro traino che ha contribuito alla salita l’annuncio di CoinBAse che si dice pronta ad aggiungere 500 milioni di di dollari di criptovalute, in una mossa che, secondo il board che guida l’azienda, servirà a diversificare l’enorme quantità di liquidità che si trova in cassa dopo due ottime trimestrali, che hanno confermato la profittabilità del gruppo e la solidità della società.

A livello tecnico se il target più vicino è l’approssimarsi a zona €43.650, il Parabolic Sar è in positivo dall’ultima settimana di luglio, stazionando al di sotto dei prezzi, mentre l’Adx conferma la forza del trend assegnandogli un valore di 39, bel al di sopra di 25 che segna una tendenza adeguata.

Ethereum dopo il trend ascendente degli ultimi periodi, ha vissuto una settimana di pausa con una lieve discesa con circa un meno 1%, assolutamente fisiologica in un contesto di salita che si perpetua da molti giorni. La volatilità si è drasticamente ridotta, tanto che il movimento settimanale è stato di poco superiore al 10%. 

La settimana ha visto dibattiti circa la forza di Eth rispetto a Btc con i numeri decisamente a favore e con un guadagno nell’ultimo anno di circa il 300% a fronte del 55% della regina delle crypto. Ma a supportare la tesi di un futuro sorpasso, anche il dominio di Eth nella finanza decentralizzata e nel settore degli NFT e poi a breve il network sarà molto più economico e scalabile.

A livello tecnico il muro da scalare è rappresentato da quota €2.800 il cui avvicinamento ha determinato un ritorno indietro e ha provocato l’appiattimento del MACD con il Supertrend saldamente in rialzo da un mese che ne supporta la salita.

 Litecoin ha vissuto una settimana parzialmente positiva con un salita del 2%, che segue ad una crescita iniziata alla fine del mese passato 

Ci sono delle cose che però bisogna osservare, come l’evidente divergenza dell’indicatore CCI settato a 14 periodi che potrebbe essere anticipatoria di un cambiamento di trend. La settimana ha visto un range di circa il 15% con minimi in zona  €140 e fino a quando si rimarrà al di sopra di €150, abbiamo ragione di credere in un trend al rialzo.

Bitcoin Cash ha avuto una riduzione della volatilità dopo i movimenti delle settimane precedenti. I prezzi sono completamente compresi all’interno delle Bande di Bollinger e il Bollinger Bandwidth è in calo e segna 0.34, molto lontano dai valore oltre 1 che ha caratterizzato buona parte del mese di maggio.

L’escursione degli ultimi sette giorni ha visto un movimento del 11% con minimi a €534 e massimi a €603 e la performance è stata negativa di circa il 4%.

Al rialzo si punta ai €640 toccati in febbraio 2021, mentre al ribasso zona €510 rappresenta un supporto importante.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.