Dove sta la volatilità – Analisi della settimana di trading 1-7 novembre 2021

L’analisi della settimana di trading appena trascorsa (1-7 novembre) per comprendere e intercettare i possibili movimenti futuri di bitcoin e le principali criptovalute.

Ti sei perso l’analisi della settimana precedente? Clicca qui per leggerla.

Bitcoin continua a stazionare in zona €53.000 e chiude la terza settimana con scarsa direzione infatti vive una compressione di volatilità che lascia presagire a breve un movimento intenso per andare a toccare e superare il nuovo massimo a €57.317 che dista meno del 10%. Al momento è partita una fase di movimenti laterali, che sono andati a costruire un triangolo dalla cui rottura potrebbe innescarsi un nuovo trend, anche perchè l’open interest continua ad essere molto alto

La settimana ha consolidato l’arrivo degli ETF approvati dalla Sec che però non ha dato l’ok all’Etf a leva visto che il presidente Gensler, considera le criptovalute come security e quindi non apprezza strumenti finanziari a leva legati direttamente alle crypto. Notizie contrastanti si affacciano relativamente alla presenza di bitcoin negli exchange che sembrano continuino a diminuire dando forza ad un trend che è iniziato a fine 2020 e che stridono con il fatto che le balene stanno vendendo sui massimi e si stanno alleggerendo dei bitcoin posseduti in portafoglio. 

Comunque circa l’adozione di bitcoin negli Usa ci sarebbe un altro sindaco, dopo Eric Adams recentemente eletto a New York pronto a percepire il suo stipendio in Bitcoin. Si tratta del sindaco di Tampa Bay Jane Castor, il quale avrebbe accettato, di ricevere il proprio stipendio utilizzando questa criptovaluta.

Quarto sindaco quindi dopo quello di New York City, quello di Miami e quello di Jackson. 

A livello tecnico il Supertrend è al rialzo dall’inizio del mese scorso ed è supportato nel trend al rialzo dai valori importanti dell’Adx: siamo a 30.

Ethereum riparte nel trend ascendente che ha caratterizzato gli ultimi periodi e lo fa con volumi importanti che hanno portato a determinare il sorpasso nei confronti di Bitcoin, come confermato dai dati dei vari exchange che lo certificano e lo rendono evidente, evidenziando un interesse degli investitori via via crescente. Mercoledi è stato conseguito il nuovo ATH superando zona €4.000 e arrivando a €4.024 che testimonia, se mai ce ne fosse bisogno, la forza di Eth.

Settimana davvero importante, sia per il gain conseguito del 7% ma anche perchè con Il “burning” introdotto con il London fork ha provocato la novità che per tutta la scorsa settimana gli ETH bruciati sono stati più di quelli creati tramite mining, facendo si che l’ipotesi che Ethereum potesse diventare deflazionaria si è realizzata pienamente questa settimana. Aumenta poi l’adozione di Eth e la novità è rappresentata dal fatto che Bakkt, società quotata in borsa, la quale negli ultimi giorni è balzata agli onori della cronaca per l’accordo con Mastercard e che offre servizi su Bitcoin tra cui, oltre l’acquisto e la vendita, anche la custodia, adesso secondo un comunicato della società, sarà possibile a breve utilizzare tutti i servizi anche su Ethereum compreso l’utilizzo come metodo di pagamento. 

Sotto il profilo tecnico il trend al rialzo prosegue e le due medie mobili a 100 e 200 periodi sono posizionate rispettivamente in zona €3.000 e €2.500 e il Chaikin Money Flow ben al di sopra della linea dello zero essendo situato a 0,15 evidenzia però una pericolosa divergenza.

ZCash balzato recentemente agli onori della cronaca perchè il fondo Grayscale ha creato tre nuovi fondi, che replicheranno l’andamento di prezzo in via fisica di Zcash ed altre altcoin. La crypto che offre privacy e trasparenza selettiva delle transazioni (I pagamenti Zcash sono pubblicati su una blockchain pubblica, ma il mittente, il ricevente e il valore della transazione possono rimanere privati) risulta cresciuta in maniera importante dopo l’annuncio e anche se adesso sta ritracciando, sembra inserita in un trend al rialzo ben definito, certificato anche dall’aver superato in scioltezza la media mobile a 200 periodi e con il Sar Parabolic che da pochi giorni si è posizionato sotto i prezzi introducendo il trend al rialzo.Dai minimi di fine settembre in zona €87 ai massimi del 24 ottobre a €160 tanta strada è stata percorsa in pochissimo tempo. Adesso siamo a €140 e tutto lascia presagire il ritorno agli attuali massimi.

-Mauro Masoni, analista finanziario The Rock Trading.


Nessuna informazione, analisi o altro materiale in questo articolo costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento. L’investimento in criptovalute è ad alto rischio.